Le 5 squadre che… non ti aspetti!

Proviamo ad indovinare 5 squadre che potrebbero farvi sbancare il botteghino vincendo il Vincent Lombardi Trophy.


L’estate sta finendo cantavano i Righeira nel 2002 e la stagione delle vacanze, del mare e degli amori fugaci sta per lasciare il posto all’autunno, la stagione nella quale le foglie cadono dagli alberi e nella quale ricominciamo a ballare con il grande football NFL, che quest’anno comincia il 10 settembre, nonostante le mille difficoltà in cui gli Stati Uniti si trovano attualmente.

Come sappiamo però, l’inizio della regular season non significa soltanto passione, bellezza e giocate spettacolari, ma anche tante, tantissime partite da vivere, con la possibilità, per i più esperti, di provare a sbancare il botteghino e vincere qualche soldo con queste partite perché, in fondo, questa eventualità non dispiace a nessuno. Lo scorso anno abbiamo inaugurato la rubrica del Betting Corner dove, ogni settimana, provavamo a pronosticarvi chi avrebbe vinto le partite che progressivamente si svolgevano all’interno della stagione regolare: la rubrica ha concluso con un buon bilancio in attivo di partite effettivamente azzeccate e, perciò, si è deciso di riproporla anche quest’anno; essa infatti tornerà ben presto a consigliarvi e a farvi compagnia, fatta salva l’attesa di qualche settimana necessaria a farsi un’idea più completa su quale possa essere il rendimento delle varie franchigie, al fine di fornirvi pronostici più precisi, performanti e, quindi, con maggiore probabilità di successo.

Nel frattempo però, in tutti i principali portali di scommesse italiani, sono uscite le quote antepost del vincente Superbowl e noi abbiamo pensato che potesse essere un ottimo modo per scaldare i motori in vista della partenza, quello di provare ad analizzarle e fornirvi cinque squadre in grado di poter essere campioni alla fine della stagione e perciò, con una scommessa ben piazzata, di farvi sbancare al botteghino con la seria possibilità di farvi sembrare un visionario di questo sport. Un elemento che ci è subito saltato agli occhi è che le quote sono divise per fasce e che è possibile individuare, in ciascuna di queste fasce, almeno una squadra che ci sentiamo di consigliarvi, tenendo bene a mente che in alcuni casi si tratta di suggerimenti che sembrano abbastanza scontati, mentre in altri si tratterà di veri e propri azzardi che però, come ovvio che sia, pagheranno maggiormente. Pertanto procederemo presentando le squadre e quindi le quote in ordine crescente, cominciando da quelle un pò più abbordabili per arrivare poi all’azzardo vero e proprio.

Nel presentarvi la squadra cercheremo di spiegarvi a somme linee perché la riteniamo una giocata dotata di elementi sensati, ma ovviamente non vi annoieremo con un recap completo della squadra in questione, bensì cercheremo di farvi capire molto sinteticamente perché quella determinata franchigia potrebbe davvero sorprendere e, dunque, risultare campione alla fine della fiera, permettendovi di battere cassa per la gioia vostra e di chi vi vuole bene. Prima di cominciare ci teniamo nuovamente a ricordarvi le regole di base per un buon rapporto con queste rubriche e con il gioco d’azzardo in generale, al fine di rendere ancora più piccante il nostro sport preferito senza però esagerare in una cosa che rischia di divenire davvero pericolosa se non fatta con moderazione:

  1. Le quote che vi presentiamo possono variare a seconda dell’agenzia o della piattaforma alla quale vi rivolgerete.
  2. Le quote che vi presentiamo possono variare a seconda del momento in cui farete la vostra giocata.
  3. Noi non siamo l’oracolo di Delfi, ma semplicemente un gruppo di persone che cercano di consigliarvi per il meglio e perciò non prendetevela nel caso in cui i nostri suggerimenti non dovessero farvi ottenere il risultato sperato: ricordate che nello sport esiste sempre una parte di fortuito incalcolabile, altrimenti saremmo tutti ricchi e felici con le schedine ogni domenica.
  4. Il gioco d’azzardo rende lo sport più saporito e interessante, ma non deve essere usato come strumento per arricchirsi facilmente o per risolvere i problemi economici di una vita.
  5.  Giocare troppo e considerare il gioco d’azzardo come un sistema per arricchirsi in fretta o per sostituire il lavoro, significa avere una malattia nota come ludopatia, una malattia grave sulla quale è bene non scherzare: giocate pure, ma senza esagerare!

 

San Francisco 49ers

La prima squadra che vi presentiamo è la franchigia vice campione in carica: la squadra californiana ha disputato una stagione davvero fantastica lo scorso anno, arrivando al Superbowl e trovandosi in vantaggio per almeno tre quarti di partita. Durante l’ultimo quarto però, Patrick Mahomes ha deciso di suonare una delle sinfonie offensive più belle della storia del gioco e i suoi orchestranti lo hanno seguito come un maestro, ottenendo come risultato una clamorosa rimonta che li ha portati ad alzare al cielo di Miami il secondo Vincent Lombardi della storia di Kansas City. Alla banda Garoppolo questo certamente non sarà andato giù e, grazie anche a una campagna acquisti davvero importante nella quale non solo sono stati riconfermati quasi tutti i protagonisti della scorsa stagione, ma ne sono arrivati anche altri senz’altro di rilievo, come ad esempio Aiyuk e Reed, la franchigia del Golden Gate Bridge sta scaldando i motori al fine di riprendersi ciò che sembrava già suo.

Noi riteniamo che i 49ers possano davvero essere una delle favorite ma la loro quota è forse più alta rispetto al previsto ed è per questo che noi, fossimo in voi, con una vittoria che banca 12 volte la posta ci penseremmo seriamente.

Tampa Bay Buccaneers

Assenti dal grande ballo ormai dal lontano 2002 e dal postseason dal 2007, la famiglia Glazer, proprietaria della franchigia, ha deciso di sorprendere tutti prendendosi il quarterback più vincente di sempre, Tom Brady, il quale dopo 20 anni di successi ha lasciato i Patriots e, per non farsi mancare nulla, gli hanno affiancato l’amico e compagno di mille battaglie Rob Gronkowski, di ritorno in NFL dopo un anno sabbatico e desideroso più che mai di riprendersi lo scettro di miglior tight end della lega. Naturalmente la proprietà della franchigia della Florida non si è limitata solo a questi acquisti ma essi sono senz’altro i più fragorosi: puntare sull’esperienza e sulla voglia di vincere anche lontani da Foxboro di questi due, potrebbe davvero essere una mossa vincente, anche perché è opinione comune pensare che con un quarterback maggiormente performante, i Bucs avrebbero potuto centrare almeno il post season già lo scorso anno. A condire il tutto ci sembra opportuno sottolineare come quest’anno il Superbowl si disputerà al Raymond James Stadium, casa proprio dei Bucs.

Serve altro per stuzzicarvi l’appetito? bene… allora sappiate che i bookmakers bancano l’eventuale vittoria della banda a Brady a 16 volte la posta, rendendola un opportunità davvero troppo ghiotta per non farci almeno un pensierino.

Buffalo Bills

Dopo avervi presentato due franchigie provenienti dalla NFC ci sembra giusto mostrarvi una potenziale sorpresa proveniente dalla AFC: in questa conference, oltre agli stra favoriti campioni in carica di Kansas City e ai Ravens, che sembrano la loro naturale alternativa, si scatena una sorta di girone infernale, portato anche da quella che sembra l’abdicazione da parte del sovrano dispotico, conosciuto con il nome di New England Patriots. Pronti ad approfittare di questa presunta abdicazione ci sono i Bills, rivali storici dei Pats, pronti a subentrare dapprima all’interno della AFC East e poi, perché no, provando a sostituire i loro rivali in tutto e per tutto. Certamente è un azzardo pensare alla franchigia di Buffalo come già competitiva per il titolo, però lo scorso anno la banda Allen, zitta zitta, è arrivata nel post season arrendendosi soltanto ai Texans dopo un overtime deciso da un field goal in una delle partite di post season più belle della stagione. I Bills sembrano davvero intenzionati a riprovarci e, se possibile, ad arrivare ancora più lontano dello scorso anno, come dimostra l’ambiziosa campagna acquisti svolta, nella quale sono arrivati tanti giocatori di valore, (Stefon Diggs su tutti).

I Bills, approfittando di una division che sembra una delle meno competitive dell’intera lega e con un pizzico di fortuna in più, potrebbero davvero sorprendere e la quota di 20 con cui verrebbe pagata la loro eventuale vittoria, ci fa credere che potrebbe davvero essere una giocata affascinante.

Tennessee Titans

Durante la scorsa stagione, tra squadre che hanno vinto e squadre che hanno deluso, una su tutte si è guadagnata la simbolica palma di “ammazza grandi” e questa risponde al nome di Tennessee Titans; ciò è ancora più sorprendente se si considera il fatto che la franchigia di Nashville aveva cominciato la stagione regolare con alti e bassi sia nelle prestazioni che nei risultati, ma da quando è avvenuto l’avvicendamento tra i due quarterback, con Tannehill che ha sostituito Mariota, la squadra ha cominciato a girare davvero diversamente e si è permessa il lusso del seguente “triplete”: si è qualificata ai playoff nonostante il rendimento basculante di inizio stagione, ha eliminato i campioni uscenti dei New England Patriots ponendo di fatto fine alla dinastia Brady-Belichick e, non contenti, hanno clamorosamente eliminato gli stra favoriti Ravens al divisional, generando un’interrogazione parlamentare dalle parti di Baltimora sulle reali capacità di Lamar Jackson. Ad essere onesti, i titani sono stati, per una discreta fetta di partita, in vantaggio anche nel conference contro i futuri campioni dei Kansas City Chiefs, ma poi Mahomes ha deciso di attaccare l’orchestra di cui abbiamo già parlato e per la banda Tannehill c’è stato ben poco da fare. Ciò che ha davvero impressionato è stata la grande fase difensiva di questo team, giudicata tra le migliori della scorsa stagione e chissà che da quest’anno, con una squadra ulteriormente rinforzata e con Tannehill pronto a guidare l’attacco sin dall’inizio, i Titans non riescano a sorprendere ancora di più. Di sicuro saranno un boccone ostico da digerire per chiunque e questo, specialmente in ottica post season, potrebbe davvero fare tutta la differenza di questo mondo.

Perciò riteniamo possa essere lecito quantomeno considerare per un attimo la candidatura della franchigia di Nashville, soprattutto perché, una sua eventuale vittoria del Vincent Lombardi, pagherebbe ben 25 volte la posta.

Houston Texans

Ed eccoci giunti alla giocata più azzardata e pazza dell’intera lista, una giocata che apparentemente non trova grossi riscontri di senso compiuto, ma alla base del nostro consiglio vi è una spiegazione molto più razionale di quanto non si possa credere. La franchigia texana è una squadra in crescita, con un quarterback giovane ed ambizioso e un roster che, pur non essendo certamente il migliore né della conference né tanto meno della lega, è tutt’altro che disprezzabile. Se a tutto questo sommate il buon mercato effettuato e il fatto che soltanto un giocatore ha sfruttato la possibilità dell’opt-out, ne viene fuori un quadro che colloca i Texans certamente tra le squadre in grado di sorprendere in AFC e, giunti a questo punto, ci sembra doveroso esporvi quella famosa motivazione razionale di cui abbiamo parlato poc’anzi: i Texans sono la squadra con la quota più alta di quelle arrivate almeno al divisional nella scorsa stagione, risultato che dimostra come la franchigia di Houston sia una realtà ascendente e magari, sfruttando una conference più “leggera” come l’AFC e una stagione particolare per tante ragioni, potrebbe configurarsi come il sorpresone che non ti aspetti, sebbene ci si renda perfettamente conto di come sia molto difficile, sulla carta, vedere la banda Watson anche solo giocare il prossimo Superbowl.

Proprio per quest’ultima ragione, la quota è davvero spaventosa, con una vittoria dei texani che paga ben 50 volte la vostra puntata e, davanti ad una quota del genere, i più accaniti e temerari scommettitori un pensierino potrebbero pure farcelo.

Prima di giungere alla conclusione vogliamo sottolineare come quasi tutte queste squadre, all’interno del panorama quotista, abbiano un loro “alter ego” altrettanto valido: ad esempio, assieme a San Francisco troviamo New Orleans, entrambe con la quota di 12, insieme a Tampa, a 16, si possono trovare sia i Cowboys che i sempre verdi Patriots, a 20 oltre ai Bills ci sono gli ottimi Seahawks, senza dimenticare Kansas City e Baltimora, che però hanno una quota decisamente più bassa, bancando 6 volte la posta. Insomma, ce n’è davvero per tutti i gusti e la nostra strategia è stata quella di provare a sorprendervi con cinque nomi che ci sembrano un giusto mix tra le varie categorie, ma ovviamente nulla vieta di percorrere altre strade, a cominciare proprio dagli “alter ego” nominati prima. Il nostro augurio è che, in un anno così particolare e difficile, scommettere sul nostro sport preferito sia anche un modo per distrarsi un pò e che magari, un giorno, ci ringrazierete per il colpaccio che non vi aspettavate.

Buona regular season e buone scommesse a tutti!

Please follow and like us:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.